Fai da noi

Vestito di carnevale dei Transformers by Silvia Olivetti

13/02/2020

Abbiamo già incontrato Silvia Olivetti di ONLYone, ci aveva spiegato come poter recuperare qualche piccolo e vecchio mobile per la camera dei bambini. Vi ricordate l’articolo? Se ve lo siete persi, leggete qui.

Oggi abbiamo chiesto a Silvia di raccontarci la creazione di un bellissimo vestito di carnevale che ha realizzato. Tutti pronti? Buona lettura!


Oggi voglio raccontarvi come ho realizzato il costume di carnevale di mio figlio di Optimus Prime, dei Transformers.

I materiali sono tutti facilmente reperibili. La parte un po’ più complessa e laboriosa è l’assemblaggio, ma non dobbiamo farci perdere d’animo!

L’occorrente

  • n. 2 scatoloni uno più alto e uno più basso ma della stessa larghezza (N.B. deve essere più larga del spalle del bambino, ma non troppo!)
  • n. 4 scatole da scarpe oppure, come ho fatto io, dell’altro cartone in fogli così da poterlo piegare a piacimento.
  • n. 1 maschera a forma di volto
  • della carta di alluminio oppure dello specchio finto biadesivo.
  • tubi di cartone
  • confezione di cartone delle uova
  • tempere
  • scotch argentato, scotch biadesivo e scotch di carta
  • colla a caldo
  • lucine per fanali
  • elastico largo

Realizzazione

Ho cominciato creando il buco per la testa e per le braccia nello scatolone più grande, sul retro invece ho creato uno spazio per poter entrare e muoversi liberamente.

Nello scatolone più piccolo che diventerà il muso del camion ho lasciato solo quattro lati, tagliandone quindi via due e successivamente li ho uniti insieme creando così il corpo del Transformers.

Per le gambe e le braccia, ho creato delle scatole più piccole bucate parte a parte in modo da poter infilare i piedi e le braccia ( nelle braccia ho dato una forma più arrotondata per richiamare il parafango del camion). Successivamente alle braccia ho ritagliato 4 spazi della scatola delle uova per richiamare delle armi.

Una volta assemblato il tutto e ricoperto bene i bordi con dello scotch di carta ho iniziato a colorare di blu tutto quanto e una volta asciutto ho creato le fiamme sempre dipinte.

Nel frattempo con dei tubi ricoperti di nastro adesivo argentato ho creato i tubi di scappamento del camion.

Su internet ho cercato dei disegni di pneumatico e ne ho stampati sei per poi attaccarli su cartoncino. Ho comprato delle lucine che si accendono semplicemente con la pressione della mano per poter creare i fanali.

Tagliando degli altri pezzi di cartone rettangolari ho creato il parafango del camion.

Anche lo stemma dei Transformers l’ho stampato su carta e l’ho fissato con del nastro biadesivo sul muso, sul busto e sul tetto del camion stampato un po’ più grande.

Successivamente ho iniziato ad unire i vari accessori, i fanali li ho attaccati sia sul muso del camion che sotto i tubi in modo tale che quando si alza in piedi e diventa Optimus Prime si possano vedere delle luci anche sul davanti.

Per i vetri del camion io ho usato dei finti specchi di adesivi che avevo già in casa ma si possono utilizzare dei cartoni rivestiti di carta stagnola. Sul petto poi ho riattaccato degli altri specchietti e ho aggiunto i dettagli del muso per richiamare la trasformazione.

Ho incollato le quattro ruote, due per gamba e le altre due restanti le ho messe una per braccio.

Mi raccomando sia per le scatole delle gambe sia per quelle delle braccia ma anche per il busto di non superare la lunghezza di fianchi e delle articolazioni perché altrimenti si impediscono al bambino in movimenti e non riuscirebbe a piegarsi per sdraiarsi e rialzarsi.

Infine con la cambratrice ho attaccato del filo elastico sulle gambe e sulle braccia per poterle fermare ai polsi e alle caviglie in modo tale che quando si muove non scivolino e non so muovano troppo.

Per quanto riguarda la maschera invece sono andato un po’ di fantasia ho recuperato una vecchia maschera a forma di viso che ho dipinto di blu, ho allargato bene lo spazio degli occhi e sempre con il cartone ricoperto di nastro argentato ne ho creato i vari dettagli.

Adesso non mi resta che augurarvi buon lavoro!

Silvia Olivetti

Per domande, curiosità o spiegazioni aggiuntive, non esitate a chiedere nei commenti qui sotto: Silvia vi aiuterà volentieri!


Se vi è piaciuto questo articolo, potrebbero interessarvi anche i seguenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.