Pensiamo in libertà | Pensieri vari

Panoramica generale sui BES (Bisogni Educativi Speciali)

20/05/2019

Si sente spesso parlare di BES ma a meno che non siamo coinvolti personalmente non si capisce molto bene di che cosa si tratti. Oggi vogliamo parlare con voi del loro significato.

La definizione è molto semplice: BES è un acronimo che sta per Bisogni Educativi Speciali. La normativa riconosce uno studente BES in base al D.M. del 27/12/2012 che definisce così: “Ogni alunno con continuità o per determinati periodi, può manifestare dei Bisogni Educativi Speciali per motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta.”

Si dividono in tre macro gruppi:

  1. DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI tra i quali DSA (dislessia, discalculia e disgrafia) e ADHD ( deficit di attenzione e iperattività).
  2. DISABILITA’ MOTORIE E DISABILITA’ COGNITIVE.
  3. DISTURBI LEGATI A FATTORI SOCIO-ECONOMICI, LINGUISTICI E CULTURALI come la non conoscenza della lingua italiana o alcune difficoltà comportamentali e relazionali.

L’ introduzione dei BES ha permesso di mettere in luce le specifiche esigenze educative dei singoli bambini e ragazzi che devono essere appositamente tutelati dalle Istituzioni Scolastiche con specifiche direttive e circolari Ministeriali.

Generalmente la Scuola deve erigere in Consiglio di Classe dei percorsi in base alle difficoltà dell’ alunno.

Questi sono i due documenti principali:

  • PDP= Piano Didattico Personalizzato che è un documento ufficiale che definisce il rapporto tra scuola, genitori e le figure che seguono da vicino lo studente. Il PDP certifica e riflette il percorso scolastico dell’alunno considerando e aggiornando i suoi progressi e bisogni specifici.
  • PEI= Piano Educativo Individualizzato (dedicato però solo a chi ha disabilità e può usufruire della legge 104) che contiene l’indicazione dettagliata degli interventi educativi e didattici, gli obiettivi prefissati e i criteri di valutazione del percorso didattico dell’alunno che viene personalizzato e aggiornato ogni anno.


Tutto questo era impensabile fino a pochi anni fa ma grazie all’impegno e alla professionalità di moltissimi insegnanti il mondo della scuola sta smuovendo tante grandi barriere che ostacolavano l’inserimento dei nostri figli nella realtà e quotidianità dell’ attuale società.

La collaborazione tra scuola e famiglia è fondamentale per la buona riuscita del percorso scolastico dell’alunno. Aiutandolo nelle sue difficoltà si può favorire l’inclusione nel gruppo classe e il corretto sviluppo sociale.


Se vi è piaciuto questo articolo, potrebbero interessarvi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.