Pensieri vari

In Cerchio con…. I LIBRI!

20/04/2020

Oggi iniziamo una preziosa collaborazione con la nostra amica Dottoressa Maddalena Tinazzi, Pedagogista di “In Cerchio con le Famiglie” di Grezzana che ci darà qualche spunto di riflessione per la crescita dei nostri figli.

Maddalena ci parla del meraviglioso mondo dei libri e della lettura come proposta e crescita attraverso le esperienze dirette dei nostri bambini.

Il piacere di leggere nasce in bambini e bambine quando gli viene data la possibilità di approcciarsi al libro in modo naturale, piacevole ed emozionante senza dover rispondere a domande, questionari o scrivere riassunti; per permettere ai bambini di sviluppare interesse nei confronti della lettura dobbiamo lasciarli liberi di vivere il libro a modo loro, scegliere le storie e i racconti che preferiscono e condividere momenti di lettura in famiglia.

Per bambine e bambini l’esperienza della lettura andrebbe avviata il prima possibile e condivisa con il contesto familiare perché l’adulto possa offrirsi come modello da imitare; sappiamo che l’apprendimento passa sempre attraverso la relazione quindi, se ci poniamo come esempio, dimostriamo per primi interesse nei confronti della lettura e ci mostriamo disponibili nel condividere questa attività, daremo la possibilità ai piccoli di vedere il libro come un valido strumento per divertirsi, conoscere nuovi mondi e passare un po’ di tempo in tranquillità.

È importante privilegiare libri che permettano a bambine e bambini di vivere esperienze di qualità cercando testi con parole inusuali, illustrazioni originali e nuove prospettive; possiamo osservare il linguaggio utilizzato e scegliere proposte che offrano un tipo di linguaggio non scontato, piatto, frettoloso o “bambinesco”; osservare la grafica, i colori, le immagini e i materiali in modo che siano esteticamente belli, curati, dettagliati, con illustrazioni non stereotipate e non convenzionali: in questo modo potranno entrare in contatto con diverse realtà e diversi punti di vista e per farlo è importante proporre molti libri diversi e di diverse tipologie in modo da offrire visioni sempre differenti.

Queste indicazioni sono importanti per favorire un approccio emozionale al libro, sviluppare capacità di comprensione empatica, suscitare gusto per la lettura, educare all’ascolto e alla concentrazione oltre che a favorire l’accettazione di altre culture, pensieri diversi dal proprio e conoscere nuovi modi di vivere.

Per permettere a bambini e bambine di sviluppare interesse nei confronti della lettura possiamo pensare a un momento della giornata dedicato, scegliere libri con loro e farli sentire partecipi dell’attività, ascoltare i loro bisogni, leggere con partecipazione, divertirsi insieme a loro e condividere con serenità e piacevolezza questi momenti. Inoltre è utile portarli spesso in biblioteca, lasciarli liberi di scegliere i libri che preferiscono e, se necessario, leggere più volte la stessa storia (per i bambini, infatti, è importante la routine e ritrovarsi nelle storie può essere un buon metodo di contenimento).

I bambini molto piccoli sono attratti da immagini con colori vivaci che rappresentano oggetti semplici, con testi semplici e ritmati; nei primi mesi di vita amano molto i libri con immagini ad alto contrasto (bianco e nero). Alla scuola dell’infanzia cominciano ad amare libri che descrivono esperienze familiari, ad ascoltare testi più complessi e mostrano interesse nel ripetere le parole.

Quando scegliamo un libro è importante partire dagli interessi e dai bisogni del bambino a cui lo vogliamo proporre, ma dobbiamo fare sempre molta attenzione a non utilizzarlo come strumento per la risoluzione di un ipotetico problema: ad esempio, se il bambino è in una fase delicata come può essere quella dello spannolinamento, possiamo certamente proporgli libri che affrontano questa tematica ma con l’obiettivo di farlo rispecchiare nel protagonista del racconto, sentirsi accettato e compreso; non dobbiamo proporgli il libro pensando di utilizzarlo come “ricetta” in alternativa al nostro supporto poichè cadremmo in un utilizzo strumentale e non esperienziale.

Qualche proposta:

0-36 mesi:
Io vado, Babalibri

Lupo Baldo, Bohem

Nell’erba, Babalibri

A caccia dell’Orso, Mondadori

I tre piccoli gufi, Mondadori

Arrivo!, Panini

A più tardi, Babalibri

I libri ad alto contrasto di Tana Hoban

3-6 anni:

Il punto, Ape Junior

Sulla collina, Giralangolo

La cosa più importante, Fatatrac

Un grande giorno di niente, Topipittori

Solo un puntino, Minibombo

Non è una scatola, Kalandraka

Che cos’è un bambino, Topipittori

I libri di Hervè Tullet (Panini editore)


Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbero interessarti anche i seguenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.