Mini-interviste

Come scegliere il cane più adatto alla nostra famiglia – Parte I

13/06/2019

5 domande per crescere insieme

Oggi intervistiamo Nicola Corradini.

L’intervista.

1.Quando una famiglia prende l’importante decisione di avere un cagnolino, quali criteri si dovrebbero osservare inizialmente?

Come ben specificato nella domanda,  per una famiglia di avere come compagno di vita un cane, cagnolone o cagnolino che sia, è una decisione davvero “importante” e la cosa non è da sottovalutare. L’argomento di discussione è veramente vasto, ci sono moltissime domande da porsi e progetti da fare, perché un cane nelle nostre famiglie di qualunque taglia sia, è a tutti gli effetti,  un progetto a lungo termine.

Cercherò di essere più chiaro e sintetico possibile, in modo che ogni lettore possa ben intendere cosa sto per consigliare a tutte le persone che si vogliono avvicinare al meraviglioso mondo cinofilo ed integrare il cane nel così detto branco famiglia, perché in realtà di questo si tratta.

Prima di acquistare o adottare un cane, consiglio a tutti di scrivere su un foglio bianco le risposte alle seguenti domande:

  • Perché voglio un cane ?
  • Quanto tempo posso dedicare al mio futuro cane ?
  • Cosa mi aspetto dal mio amico a 4 zampe ?
  • Comprare o adottare il mio amico ?
  • Sono pronto ad avere in famiglia un nuovo componente?

Sono 5 punti su base su cui fondare la decisione, domande anche banali, penserà qualcuno dei lettori, ma cosi non è, lo dimostra il fatto che moltissime persone, si trovano ad affrontare qualche problemino di gestione dei nostri amici a 4 zampe nella quotidianità e quando si affidano a qualche educatore cinofilo per avere aiuto, la prima frase che pronunciano è: “ma io pensavo che……”.

Con questo articolo spero di aiutarvi a non commettere certi errori di valutazione onde evitare che qualcuno si trovi nella stessa situazione…

Come precedentemente scritto, la convivenza e l’inserimento in famiglia del cane non è da sottovalutare ed è un argomento veramente molto vasto da discutere.

Ma se davvero volete una marcia in più e percorrere la tortuosa strada che porta alla felicità interiore, fatevi accompagnare da un cane, sarà un’esperienza devastante e bellissima.

 
2. In tanti ci facciamo suggestionare dalla bellezza o dalle caratteristiche della razza. Quanto influisce o quanto è importante scegliere la razza giusta?

Purtroppo il problema più diffuso al giorno d’oggi, è proprio la scelta del cane. Spesso si compra il cane che ci piace. Molto spesso però il cane che ci piace, si rivela non come ci si aspettava o come si è visto nei film, tutto questo succede perché molte volte non ci si fa le domande di cui sopra.

La scelta del cucciolo è fondamentale, specialmente se in famiglia ci sono bambini piccoli, scegliere il cucciolo che ci piace ma con il carattere e il temperamento che va meglio per la nostra Famiglia e la nostra vita quotidiana è senza dubbio la scelta migliore.

Un piccolo esempio potrebbe essere questo: se una famiglia è molto impegnata nella quotidianità, lavoro, scuola dei bimbi, attività extra scolastiche e cosi via, che portano ad essere fuori casa molte ore durante il giorno, non dovrebbe scegliere cani iperattivi, tipo Border collie, cani pastore in generale che necessitano di lavorare e scaricare energie infinite ogni giorno. Non dovrebbe scegliere cani cosiddetti “da lavoro” ma dovrebbe scegliere cani da compagnia, con un’indole diversa.

Resta il fatto che comunque, il cane ha dei fabbisogni ben precisi, perché gli animali non nascono per stare sul divano a vedere la tv, ma hanno delle doti caratteriali ben precise e adatte a fare comunque una attività, un po’ come noi umani del resto

Non è detto poi che un cagnolino piccolo sia meno iperattivo di uno grande, consiglio quindi prima di prendere decisioni affrettate di pensare un attimo di più alle doti caratteriali del cane prima di acquistarlo o adottarlo.

Se poi si ha la fortuna di conoscere qualche esperto che ci può accompagnare nella scelta del cucciolo aiuterebbe molto

3. Parliamo anche di meticci, magari li possiamo adottare al Canile. In questo caso non abbiamo indicazioni generali. Cosa dobbiamo tener presente?

Diversamente dai cani di razza, su cui esiste la “memoria di razza” che ci aiuta a capire che tipo di cane andiamo ad acquistare, con i meticci la cosa è leggermente più complessa. Di questi ultimi in genere non si conosce quasi nulla, provenienza, genitori, come è vissuto fino a quel momento, che tipo di imprinting ha avuto e come è avvenuto. Tutte cose fondamentali per capire se quel cagnolino che tanto ci piace quando lo vediamo dentro ad un box al canile è adatto o meno a vivere con la nostra famiglia, i nostri figli, se ci può accompagnare nella vita quotidiana nella maniera che noi vogliamo.

Mi rendo conto benissimo che quando li vediamo nei canili, ci fanno una tenerezza infinità e vorremo dar loro una vita degna e fare del bene ad un animale, tuttavia ci sono anche delle cose da valutare bene, una volta che il nostro meticcio arriva nella nostra casa, non mancherà di vivere inizialmente di esperienze vissute in precedenza, il cane vive e impara tramite condizionamento, o per meglio dire associazione.

Se il nostro amico prima di arrivare a casa e vivere con noi che lo amiamo in maniera quasi ossessiva, è stato vittima di maltrattamenti, o ha un vissuto randagio, dove ogni giorno bisogna lottare con tutti per mangiare e sopravvivere, inizialmente non capirà che ha trovato finalmente una famiglia che lo accoglie come un figlio, ma continuerà ad avere atteggiamenti dovuti a tutto quello che ha imparato fino a quel momento.

In questo caso potrebbe anche scoraggiare la famiglia che lo adotta dal canile e non venire accettato come essere comunque pensante, con una intelligenza, nonostante il cane abbia una mente semplice.

Quindi se si adotta un cane al canile, bisogna comunque mettere in preventivo che nella nostra famiglia arriva un elemento, che ha bisogno del suo tempo per abituarsi a noi e noi dobbiamo essere disposti ad adattarci a lui, capire le sue esigenze e farle combaciare con le nostre.

Pensare che portare a casa un cane dal canile sia avere subito amore incondizionato, molte volte è un errore, dobbiamo costruire una relazione con lui ed integrarlo con tutti i componenti del branco famiglia.

Come già detto, argomento molto vasto da affrontare, centinaia di situazioni diverse, ma prendete le mie parole come linea guida, non come una certezza assoluta. Sarò molto felice di rispondere a delle vostre domande in maniera dettagliata a seconda delle esigenze.

Per andare alla seconda parte dell’intervista, cliccate qui.


Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbero interessarti anche i seguenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.