Luoghi di interesse

Vacanza in crociera con bambini piccoli!

03/10/2019

Quest’anno, in occasione del nostro decimo anniversario di matrimonio, abbiamo deciso di “rivivere” la luna di miele rifacendo lo stesso tipo di viaggio: la crociera. Piccola variante… la presenza delle nostre bambine! Ma cosa significa fare una crociera con i figli piccoli e quali accortezze sono necessarie? Vi voglio raccontare la nostra esperienza.

Noi siamo partiti con la figlia più grande di 2 anni e la più piccola di 8 mesi. Innanzitutto bisogna tener presente che non sono ammessi a bordo bimbi di età inferiore ai 6 mesi, perciò se avete bimbi piccoli dovete rimandare questo tipo di viaggio. Al momento della prenotazione si forniscono le età dei bambini in modo che all’arrivo sia già stata allestita la camera con i giubbetti di salvataggio per tutti (adulti, bambini e neonati) e i lettini (per i bimbi più grandi viene sistemato un letto singolo più basso e per i neonati il lettino con le sponde). Essendo l’orario della cena diviso in due turni, viene data priorità a chi ha bambini per il primo turno (circa le 19) e si trova al proprio tavolo il seggiolone.

A bordo ci sono spazi e attività dedicati ai piccoli, ma tenete presente che il mini club accetta bambini a partire dai 3 anni di età, perciò va tenuto conto per l’organizzazione delle escursioni o comunque per la discesa dalla nave che non è possibile lasciare i bimbi a bordo. Se invece avete bambini di età superiore ai 3 anni è utile sapere che il mini club è ben organizzato per tenere i bambini nel caso in cui vogliate fare un’escursione da soli, ed è aperto dalle 9 a mezzanotte. Le escursioni per ogni porto sono svariate, si possono scegliere quelle di durata più lunga o più corta e sono suddivise per difficoltà e per tipologia, quindi quando viaggiate con bambini che intendete portare con voi in escursione scegliete quelle adatte alle famiglie. I bambini sotto i 3 anni non pagano l’escursione, sopra i 3 anni pagano ridotto. Per i bimbi che non possono accedere al mini club c’è l’area di Peppa Pig, con tanti giochi e la televisione. Non ci sono animatori, i bambini devono essere accompagnati e sorvegliati dai genitori. Noi ci abbiamo passato parecchio tempo!

Ma ora veniamo all’organizzazione a bordo e per le escursioni: innanzitutto gli spazi sono limitati, perciò portate con voi solo il passeggino leggero (no i modulari tipo il trio o peggio ancora i gemellari) che quando siete in cabina potete tranquillamente lasciare fuori dalla porta. Nel mio caso, avendo due bambine piccole, ho portato il passeggino leggero e il marsupio. In nave mi muovevo con la piccola nel marsupio e la grande camminava, ma quando scendevamo dalla nave alternavamo piccola nel marsupio e grande sul passeggino o grande a piedi e piccola nel passeggino. In ogni caso il passeggino lo portavamo sempre con noi. Per quanto riguarda invece le cose da portare, il ristorante fornisce gli omogeneizzati per i neonati, quindi non è necessario portarseli da casa (con notevole risparmio di spazio in valigia!) mentre i pannolini non si trovano, e, se si trovano, bisogna acquistarli in negozio a prezzi decisamente elevati. Un consiglio? Portatene via un po’, tanto poi potete scendere in ogni porto e acquistarli a terra. Il menù per i bambini è semplice ma vario, e in ogni caso potete chiedere senza problemi una pasta in bianco o al pomodoro o una bistecca con le patatine che sono sempre ben forniti e disponibili. Per la piccola mi facevo preparare un passato di verdure (che fanno apposta per i piccoli quindi senza sale) al quale aggiungevo l’omogeneizzato. Sempre presso il ristorante è possibile farsi scaldare il biberon (vietato portarsi in cabina il proprio scaldabiberon per una questione di sicurezza).

Una cosa importante da non sottovalutare è la temperatura in nave: essendoci l’aria condizionata, gli sbalzi di temperatura tra i vari locali può creare disagio. Meglio, soprattutto per i bambini, avere sempre a portata di mano un cardigan o una felpa leggera. Inutile invece ricordare quanto sia importante portarsi cappellini e protezione solare: in particolare, se prendete il sole durante la navigazione, l’aria potrebbe sfalsare la sensazione di calore, aumentando la probabilità di scottarsi! Per quanto riguarda invece le medicine, portarle sempre nel bagaglio a mano, soprattutto quelle per terapie continuative. Portatevi il necessario per un “primo soccorso” (cerotti, tachipirina, fermenti lattici, ecc.) ma non dimenticate che in caso di necessità c’è il medico di bordo 24/24h.

Per noi è stata una bella vacanza… senza dubbio impegnativa con le figlie piccole, ma che sicuramente rifaremo!


Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbero interessarti anche i seguenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.