Pensieri vari

“Ortoterapia” con i bambini.

30/05/2019


Esiste un’attività antichissima e naturale che, negli ultimi anni, è diventata oggetto di studi per i suoi benefici effetti sul corpo e sulla psiche.

Quasi tutti i nostri nonni lo facevano nel proprio giardino ma negli ultimi anni le cose sono decisamente cambiate. La lentezza, il rispettare i tempi corretti e la pazienza non fanno oramai parte della nostra quotidianità.

È quella di coltivare un orto, grande o piccolo che sia. Gli americani la chiamano “horticultural therapy” e la praticano da più di 40 anni. È scientificamente dimostrato ormai, che prendersi cura di un orto, veder crescere una pianta e mangiarne i frutti, cura l’ansia e lo stress, rafforza l’autostima, migliora l’umore e stimola l’attività fisica. Coltivare della verdura o dei frutti infatti dà fiducia nelle proprie capacità perché offre nuovi stimoli e semplici obiettivi che possono essere raggiunti in tempi relativamente brevi.
Se tutto questo ha molteplici benefici per noi adulti,se passare del tempo all’ aria aperta e sporcarsi le mani di terra offre tanti vantaggi, perché non far vivere questa esperienza ai nostri figli? In questa maniera scopriranno l’antico rapporto uomo-natura, un rapporto benefico e salutare che tecnologia, videogiochi e mille impegni quotidiani spesso, impediscono di conoscere e di vivere.

Cosa ci può essere di più piacevole che trascorrere del tempo in giardino, liberi di sporcarsi di terra e fango, insieme alla mamma o al papà e poi magari a cena gustare i deliziosi pomodorini che con amore e pazienza abbiamo curato? Attraverso queste esperienze possiamo stimolare nei nostri figli i sensi della vista, dell’olfatto, del tatto, dell’udito e del gusto stabilendo un autentico e diretto rapporto con la natura.

Ecco alcuni vantaggi dell’ ortoterapia per i bambini:

  • aumenta la percezione di se stessi: il bambino acquisisce competenze e abilità che rafforzano la percezione di se stesso.
  • migliora la capacità di apprendimento: imparare il nome delle piante, imparare i nomi di verdura e frutta, interiorizzare con naturalezza la ciclicità delle stagioni, i tempi della semina e della raccolta, organizzare lo spazio nell’ orto per far si che tutto cresca armoniosamente, stimolano la memoria e la concentrazione.
  • rafforza l’autostima: il bambino ha un ruolo attivo e partecipe e può vedere e gustare i frutti del suo “lavoro”.
  • favorisce la socializzazione: il bambino si sente parte di un gruppo che ha i suoi stessi obiettivi e che gioisce del risultato finale.
  • stimola il movimento: scavare, seminare, annaffiare, potare, raccogliere i frutti e togliere le erbacce sviluppano la motricità, il coordinamento occhi-mani e la forza nelle braccia.

Non esistono controindicazioni all’ortoterapia. Ognuno è libero di intraprendere l’attività che gli è più congeniale. Non sono necessari grandi spazi né molti strumenti ne grandi investimenti. A casa è possibile realizzare un mini-orto con qualche vaso o delle cassette di legno sul balcone piantando ortaggi di facile cura come i pomodorini, i cetrioli, l’insalatina e tutte le erbe aromatiche. Mentre se si può disporre di uno spazio in giardino, via libera alla coltivazione di peperoni, zucchine, melanzane e tutto quello che vi piace.

I bambini, così, impareranno a dare il giusto tempo alla natura e saranno orgogliosi dei frutti che hanno coltivato con amore e pazienza. Impareranno a gustare meglio i sapori soprattutto quelli semplici e genuini. Inizieranno a dare valore al lavoro e all’impegno costante per ottenere un risultato. Capiranno che l’alimentazione sana e semplice è la migliore per crescere in salute.

E ora diamoci da fare! Prepariamo tutto l’occorrente e facciamo una sorpresa ai nostri bimbi quando tornano da scuola! E’ arrivato il momento di dire a loro:” Sai cosa facciamo oggi di bello? Coltiviamo il nostro orto!”


Se vi è piaciuto questo articolo, potrebbero interessarvi anche i seguenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.