Arrediamo

La cameretta condivisa da maschio e femmina

14/01/2019

Accade sempre più spesso, per ragioni di spazio, che vi è la necessità di far condividere la cameretta ai figli. Nessun grosso problema se questi sono dello stesso sesso, un po’ più complicato se invece sono di sesso opposto: per ragioni di gusti diversi ma soprattutto della necessità di privacy che cresce con gli anni.

Oggi vogliamo quindi proporvi qualche idea di camera condivisa. Per bimbi più piccoli ma anche cresciuti.

Immagini tratte da Kidsomania. Prima ipotesi, colori che personalizzano gli spazi dei due bambini: i classici rosa e blu ma anche verde, rosso, arancione. Gli spazi vengono in questo modo chiaramente divisi, diminuendo il rischio di litigi (forse ??!!) e creando una certa intimità ed autonomia all’interno di uno spazio comunque comune.

In queste soluzioni troviamo anche l’aggiunta di una tenda colorata per separare gli spazi. Perché no? Non occupa molto ma permette di separare maggiormente le due intimità. Una tenda permette anche di far passare la luce, non dividendo troppo la camera. Possibile anche usare qualche mobile come separatore, magari un mobile contenitore, non troppo alto per permettere alla luce di passare sopra.

La prima immagine è tratta dal sito Belvì , le altre da Pinterest.

Potete vedere l’alternativa delle tinte neutre del beige, del bianco e del grigio, a cui è sempre possibile poi accostarvi dei colori più vivaci di complementi d’arreso o suppellettili. Se invece amate i toni più caldi ed accesi, optate per il giallo  e l’arancio, unisex, saranno perfetti per entrambi.


Il consiglio personale

Per quanto riguarda l’arredo della stanza è importante riuscire in qualche modo a delimitare gli spazi. Un metodo utile, e simpaticamente alternativo, potrebbe essere quello di appendere o appoggiare su  mensole o madie le iniziali dei loro nomi o qualche simbolo che ne richiami la personalità. Queste semplici accortezze faranno sentire importanti tutti, anche i più piccoli. Inoltre proporrei decorazioni a parete o wall papers che si rifanno alle forme geometriche, poiché sono adatte ad entrambi e ricorrono nel design contemporaneo. Evitiamo riferimenti al mondo delle fiabe.
Alcune semplici accortezze permetteranno una condivisione armoniosa e pacifica dello spazio….quasi sempre!


Se vi è piaciuto questo articolo, potrebbero interessarvi anche i seguenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.