Mini-interviste

I pannolini lavabili – 5 domande per crescere insieme

12/03/2018

Oggi intervistiamo Emilia Cristofori.

L’intervista.

1. Pannolini lavabili e pannolini usa e getta: quali sono i vantaggi e gli svantaggi dell’uno o dell’altro tipo?

Sono approdata ai pannolini lavabili , abbandonando gli usa e getta, un po’ per caso, ed ho subito realizzato la differenza sulla pelle dei miei figli tra i due prodotti.  I pannolini lavabili sono innegabilmente più ecologici, sani ed economici degli usa e getta che finiscono nel secco non riciclabile senza possibilità di smaltimento, hanno al loro interno prodotti assai nocivi per la pelle e per la terra quando approdano in discarica; se vengono bruciati rilasciano diossina e altri veleni nell’aria. Clicca il link RICERCA LAVABILI per leggere la RICERCA SULLE DIFFERENZE DI IMPATTO SULL’AMBIENTE TRA I DUE PRODOTTI E ALTRE INFO.

Sicuramente, non mi sono mai pentita di questa scelta e appena ritornato il ciclo terminato l’allattamento del secondo figlio ho scelto anche per me prodotti ecologici come la coppetta mestruale e gli assorbenti in cotone bio lavabili.

2. Quante tipologie di pannolini lavabili esistono (forma, capacità di assorbenza, materiali, ecc.)? Come varia la qualità in base al prezzo?

Esistono moltissime tipologie di pannolini in stoffa e questo è un bene per i genitori esperti ma può anche trarre in inganno o mettere in difficoltà i genitori alle prime armi. Per questo, un paio di anni fa, con l’aiuto di qualche amica, ho scritto un manuale per individuare le varie tipologie di pannolino attualmente presenti sul mercato. IL PICCOLO VADEMECUM DEL PANNOLINO LAVABILE è attualmente scaricabile in PDF sul mio sito. L’ho reso gratuito così da fare un po’ di chiarezza sull’argomento. Nei forum si legge di tutto un po’ e spesso è controproducente per chi vuole usare questi pannolini ecologici al posto degli usa e getta.

I lavabili possono essere a taglia unica, a taglie, in fibra naturale, sintetica o con fibre miste (parte naturale, parte sintetica), tutto in uno, tutto in due, pocket, fitted ecc ecc. Capite bene quanto sia davvero importante dare indicazioni chiare e semplici alle mamme per non creare difficoltà nell’utilizzo a casa. Per esempio i pannolini in fibra naturale asciugano molto lentamente quindi sono da sconsigliare a chi non ha l’asciugatrice o posto per stendere a casa mentre sono ottimi per chi ha l’asciugatrice, un vano caldaia dove poter stendere nei mesi più freddi e così via. È importante che i genitori sappiano queste cose in modo da non rimanere delusi. Usare i pannolini lavabili è facile ed auspicabile ma bisogna avere chiaro in mente il loro funzionamento in base alla tipologia scelta. Quando faccio incontri a tema “pannolini lavabili” sul territorio per le Amministrazioni Comunali o per varie associazioni non parlo mai di marche ma di TIPOLOGIE perché questa cosa è davvero molto  importante e può fare la differenza! Se una mamma trova il pannolino giusto non si pentirà della scelta fatta mentre se prenderà a caso un pannolino senza che alcuno gli abbia dato info specifiche potrebbe smettere di utilizzarli.

3. Rispetto ai tradizionali usa e getta, il rischio di irritazioni e arrossamenti è realmente inferiore?

Direi proprio di sì! Io non ho praticamente mai usato creme/medicinali o oli medicamentosi per il culetto dei miei figli. Ho usato in alcuni periodi della crescita (magari durante la dentizione o quando stavano poco bene e la pipì risultava quindi più acida) dei panni in seta grezza da mettere a contatto della pelle e non ho mai avuto problemi. I bambini sentono il bagnato della pipì quindi a periodi potrebbero arrossarsi ma basta un po’ di pazienza, qualche cambio in più o come nel mio caso l’utilizzo di prodotti naturali per la pelle e il gioco è fatto! Le dermatiti da contatto sono aumentate quasi dell’80% da quando si usano gli usa e getta, ci sarà un perché!?!?!? Lo stesso vale per i salvaslip e gli assorbenti e i salvaslip da donna che sono assolutamente nocivi per la nostra salute.

4. Come è consigliabile lavare i pannolini? Fino a quante volte possono essere lavati senza che si alteri la qualità?

Alle mamme consiglio sempre di lavare i pannolini  in modo “ecologico” utilizzando prodotti specifici (ecoeggs o detergenti studiati per i tessuti tecnici traspiranti dei pannolini in stoffa di ultima generazione), percarbonato di sodio per smacchiare, acido citrico al posto dell’ammorbidente se i tessuti diventano troppo “rigidi” e olio tea tree se si vuole igienizzare e profumare ogni tanto il bucato dei pannolini. Serve lavarli due tre volte anche solo con acqua e un po’ di bicarbonato prima di utilizzarli la prima volta perché, come per esempio gli asciugamani nuovi, non assorbono bene. Si possono quasi sempre lavare fino a 60° e mettere in asciugatrice con ciclo delicati. È bene anche stenderli al sole (il sole è uno smacchiatore naturale) e ogni tanto lavarli solo con acqua per togliere eventuali residui di detergenti (per chi non usa quelli specifici per pannolini). In ogni caso la parola d’ordine è usare pochi prodotti  ma di qualità!

I pannolini hanno un’ottima durata, poi ovviamente dipende dalla marca che utilizziamo; ce ne sono di ottime ma anche di scadenti come accade per tutti i capi d’abbigliamento! Ho visto pannolini utilizzati anche da tre bambini uno dietro l’altro ancora perfettamente in ordine e pronti per un nuovo neonato, altri invece, mal tenuti e distrutti dopo solo un figlio. Tanto decide la mamma e come li lava! Aiuta anche avere una lavatrice ecologica e ben funzionante.

Come accade per i vestiti o la biancheria dei neonati possiamo trattarli e lavarli bene o male, difficile dire quanto dureranno mutandine e inserti dei pannolini! Cambia molto a seconda della famiglia che li utilizza!!

5. Le taglie dei pannolini lavabili sono comparabili a quelle dei pannolini usa e getta? Si possono usare dalla nascita? E fino a che età si possono usare?

Attualmente i pannolini lavabili più venduti sono a TAGLIA UNICA e vestono normalmente dai 4/4,5 kg ai 18/20 kg. Si allargano e riducono per mezzo di bottoncini nella parte frontale della mutandina o all’interno per mezzo di elastici che stringono il giro coscia.

Non è possibile quindi fare un paragone con le taglie dei pannolini usa e getta.

Esistono anche pannolini lavabili a taglie ma sono diventati più rari. Di solito si hanno tre taglie: una per i newborn (i piccolissimi), una medium e una large. I genitori, quasi sempre per un discorso di risparmio economico, prendono newborn e pannolini a taglia unica così da coprire tutto l’arco di tempo in cui il bambino userà il pannolino. Normalmente inoltre, i bambini cresciuti con i pannolini in stoffa, vengono svezzati dallo stesso con molto anticipo rispetto a quelli che usano gli usa e getta.

Si sentono bagnati, hanno consapevolezza di fare la pipì e il loro controllo sfinterico è assolutamente migliore rispetto agli altri bimbi.


Presentazione del professionista.

Nome e cognome: Emilia Cristofori

Laurea e/o altri attestati di interesse: CORRISPONDENTE IN LINGUE ESTERE, CORSI UNIVERSITARI IN INGHILTERRA E USA PIÙ BRASILE PER LINGUA PORTOGHESE

Esperienze professionali di interesse: ASSISTENTE DI VOLO PER DIVERSE COMPAGNIE AEREE, LAVORO REDAZIONALE IN CASA EDITRICE, TITOLARE DI WWW.BABYMIO.IT  E WWW.KINKILIA-DIAPERS.COM  DA PIÙ DI 10 ANNI

Altro: MADRE DI DUE BIMBI DI 10 E 13 ANNI, MOGLIE FELICE DI NICOLA, VIAGGIATRICE PER PASSIONE E NON PIÙ SOLO PER LAVORO!


Se vi è piaciuto questo articolo, potrebbero interessarvi anche i seguenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.