Mini-interviste

Come scegliere il cane più adatto alla nostra famiglia – Parte II

17/06/2019

Continuazione dell’intervista. Se avete perso la prima parte cliccate qui.

4. E’ vero che ci sono tipologie di cani più adatti a famiglie con bambini molto piccoli e altre invece che si integrano meglio quando ci sono bambini di età scolare?

Ci possono essere tipologie di cani più adattabili di altre, più mansuete di altre, resta il fatto che il cane di qualsiasi tipologia scegliamo per le nostre famiglie, va educato ed inserito nella vita quotidiana, più si crea una relazione forte con il nostro cane, più avremo il controllo su di lui e meglio si integrerà nella famiglia, resta di fatto che in caso di bambini di qualsiasi età, dopo aver scelto il cane adatto e conosciuto nel suo essere, dobbiamo insegnare loro come rapportarsi con il nuovo arrivato.

Bisogna educare il cane a stare con i bambini e i nostri bambini a stare con il nostro cane. Questo è fondamentale. E richiede un grande impegno e costanza.

Con questo voglio dire, che se una famiglia diventa leader del cane, quest’ultimo vivrà per lei, per diventare leader chiaramente si intende che dobbiamo dare uno spazio ben preciso al cane nel branco, come nella loro natura, lui lo rispetterà e sarà una vita insieme bellissima. Se daremo a lui i suoi compiti quotidiani e saremo coerenti, sarà un valore aggiunto per noi e per i nostri figli

5. E’ consigliabile adottare un cucciolo o un cane di qualche anno ma di cui si conosce già il temperamento?

Per la mia esperienza, posso dire che consiglierei un cucciolo per il semplice motivo che ha meno vissuto alle spalle e sarà più facile per noi insegnargli cosa vogliamo da lui, cosa va bene faccia, cosa no.

Il cane adulto (i cani raggiungono di media la maturità intorno ai 4 anni per i maschi e 3 per le femmine) può avere un temperamento, che solo esperti possono capire, parlo di professionisti che sanno leggere il cane. Purtroppo nei canili, dove di solito lavorano volontari per aiutare questi cani meno fortunati di altri, di queste persone non se ne vedono molte.

Alla prima domanda ho risposto facendo a mia volta 5 domande, una volta scritte le risposte ed eventualmente visto il cane al canile che ci piace tanto e lo vorremmo nella nostra casa, io consiglio per capire in maniera professionale e certa che tipologia di temperamento ha il nostro cane, di avere un contatto con un esperto di settore.

Sarò felice di aiutare voi tutti con consigli su quello che sono le mie competenze cinofile, concludo con il dire, avere un cane in famiglia e viverlo a fondo significa tanto lavoro, tanto tempo dedicato, tanto sacrificio, ma vi assicuro che se si fanno le scelte nel modo giusto ne varrà sicuramente la pena.

Presentazione del professionista.

Nome e cognome: Nicola Corradini

Professione: educatore cinofilo non professionista

Presentazione: la passione per il cane nasce il 15 marzo 2009 quando nella mia vita è arrivata Maya un labrador biondo con cui ho lavorato in protezione civile. Ho frequentato corsi con relativa attestazione sulla psicologia canina, corsi per istruttori cinofili, aiutato molte persone a migliorare la loro relazione quotidiana con incontri dedicati. Dal 31 gennaio 2017 entra a far parte della mia famiglia Argo un bellissimo esemplare di border collie con cui mi sto preparando a livello agonistico nella  disciplina sportiva dell’agility dog. Ultimi arrivi in famiglia, la mia compagna Laura con un esemplare maschio di 4 anni di pastore del lagorai anche lui impegnato nelle stesse discipline sportive, tutti perfettamente integrati tra di loro e chissà, l’anno prossimo contiamo di inserire nel branco famiglia un cucciolo anche umano……..mi rivolgerò a voi lettori su consigli per i cuccioli umani.


Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbero interessarti anche i seguenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.